Impianti Fotovoltaici

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l’energia solare in energia elettrica. E’ composto essenzialmente da: una serie di pannelli (o moduli) fotovoltaici, un complesso di quadri elettrici e cavi di collegamento, uno o più inverter, uno o più trasformatori di tensione, oltre agli eventuali manufatti (cabine elettriche) ed alle strutture metalliche di sostegno.
Un impianto tipo di medie dimensioni (ad esempio di 1,0MWp) è composto da una serie di pannelli di silicio disposti con una certa regolarità, in serie: circa 4.500 moduli che occupano una area netta di circa 7.000mq ovvero una lorda di circa 20.000mq.
Ogni pannello genera il proprio flusso di corrente che, unitamente agli altri, viene raccolto e portato all’inverter. La corrente che esce dai pannelli è continua, mentre la rete elettrica conduce corrente alternata. L’inverter trasforma la corrente da continua in alternata.
Dall’inverter esce una corrente alternata fino a 1000 ampere con tensione di circa 230 volt. L’ultimo passaggio che subisce la corrente elettrica prima di usicre dall’impianto ed essere immessa in rete è nel trasformatore, che dalla bassa tensione dei 230 volt la porta ad una media tensione (solitamente 20.000 volt) idonea per la trasmissione a lunga distanza.
La quantità di energia prodotta ed immessa in rete è misurata da appositi contatori “fiscali” soggetti regolari controlli e tarature.
I moduli fotovoltaici policristallini hanno oggi raggiunto una efficienza di conversione media di circa 15%: ciò significa che soltanto il 15% dell’energia ricevuta dal sole può essere convertita in energia mentre la restante parte “sfugge” al processo di conversione energetica. La ricerca scientifica sta facendo continui progressi e l’industria sta incrementando anno dopo anno i livelli prestazionali a beneficio dei moduli e degli impianti di futura generazione.

ENERGIA PRODOTTA

0 Impianti Operativi
0 MWp Cumulated Power Capacity